Crea sito

Il post Gattuso ci sarà (e forse non sarà così spiacevole)

Condividi questo articolo

In casa Milan si comincia già a pensare al post Gattuso. Nonostante le rassicurazioni e smentite di Ringhio (“Questa è l’ultima volta che parlo del mio futuro: con Leonardo va tutto benissimo“), i rossoneri non escludono un addio dell’ex centrocampista rossonero a inizio estate.

L’articolo odierno de La Gazzetta dello Sport

In questo caso i nomi sondati sono diversi tra cui, sorpresa, quello di Mauricio Pochettino. L’attuale tecnico del Tottenham è un profilo gradito a Ivan Gazidis, che nella sua lunga esperienza all’Arsenal lo ha visto più da vicino come avversario. Chiaramente tra Gattuso e Pochettino c’è una differenza abissale, e non solo in ambito di stipendio: i due propongono un calcio diverso, e lo vedono in maniera diversa. Ringhio è un allenatore in pieno stile Allegri, per capirci: guarda al risultato finale e non al gioco, sa adattarsi alle varie situazioni e sa “convertire” di ruolo i giocatori nel caso ce ne fosse bisogno. Pochettino invece, a mio parere, sarebbe capace di dare un’identità ai rossoneri nonchè un bel gioco. Senza dimenticare i risultati (basti guardare gli ultimi anni in quel di Londra, sulla panchina del Tottenham).

Post Gattuso: chi in alternativa a Pochettino?

Ma Mauricio Pochettino non è, ovviamente, l’unico papabile per la nomina di allenatore del Milan. Partendo dal presupposto che molto dipenderà dalla qualificazione in Champions (soldi per prendere allenatori top e lo stimolo di giocare la coppa dalle grandi orecchie), i rossoneri stanno vagliando diversi profili come detto nelle prime righe di questo articolo.

Gian Piero Gasperini, Inzaghi e De Zerbi i più abbordabili (attenzione: abbordabile non vuol dire “scarso” o “non da Milan“). Conte, Sarri e Garcia i sogni. Soprattutto i primi due, che senza una qualificazione in Champions League difficilmente accetteranno l’incarico. A meno che non vengano pagati profumatamente, ma perchè ciò avvenga si torna al punto precedente: senza UCL non ci sono soldi.

Condividi questo articolo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: