Le sfide dell’alimentazione nello spazio: dall’insalata al hummus lunare

Le recenti ricerche evidenziano le complessità legate all’alimentazione degli astronauti nello spazio. Sebbene le verdure a foglia verde, come l’insalata, siano fondamentali per una dieta equilibrata, sembrano essere particolarmente vulnerabili alle contaminazioni batteriche in microgravità. Questa scoperta solleva importanti domande riguardo alla salute degli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e per le future missioni spaziali di lunga durata.

Un team di scienziati dell’Università del Delaware ha simulato le condizioni di microgravità presenti sulla ISS per coltivare lattuga. In questa particolare simulazione, le piante sono state disorientate tramite rotazione, creando una situazione in cui non riuscivano più a distinguere l’alto dal basso, come se fossero state fatte girare su uno spiedo.

Un aspetto interessante emerso da questa ricerca è che le piante confuse hanno mostrato una maggiore suscettibilità alle infezioni batteriche, specialmente di Salmonella, un patogeno noto per provocare intossicazioni alimentari. Gli scienziati hanno individuato la causa di questa vulnerabilità nei cosiddetti stomi delle piante, che in condizioni normali si chiudono in presenza di minacce esterne come i patogeni. Tuttavia, le piante esposte alla microgravità hanno avuto gli stomi aperti anziché chiusi, facilitando così l’invasione dei tessuti da parte della Salmonella.

Nonostante gli sforzi per proteggere le piante con l’uso di un batterio benefico, il B. subtilis UD1022, che normalmente le protegge dagli stress, gli stomi rimanevano aperti anche in microgravità, compromettendo le difese delle piante.

Fortunatamente, le recenti ricerche offrono anche una speranza per l’alimentazione degli astronauti nello spazio: i legumi. Uno studio condotto da scienziati della Texas A&M University e della Brown University ha dimostrato che i ceci possono sopravvivere e fiorire nel suolo lunare ostile, grazie all’aiuto dei funghi micorrizici arbuscolari. Questi funghi rimuovono elementi radioattivi e metalli pesanti dal suolo lunare e migliorano l’assorbimento dei nutrienti da parte delle piante. Aggiungendo vermicompost, prodotto dell’allevamento di lombrichi su rifiuti organici, al suolo lunare, le piante di ceci sono riuscite a crescere con successo anche in un mix costituito per oltre il 30% da regolite lunare.

Queste ricerche aprono nuove prospettive sull’alimentazione nello spazio, mostrando le sfide legate alla coltivazione di verdure in microgravità e proponendo alternative come i legumi. Sebbene ci siano ancora ostacoli da superare, è fondamentale continuare a esplorare nuove strategie per garantire una corretta alimentazione agli astronauti durante le lunghe missioni spaziali.

FAQ:

1. Quali sono le complicazioni legate all’alimentazione degli astronauti nello spazio?
Le recenti ricerche hanno evidenziato che le verdure a foglia verde, come l’insalata, sono particolarmente vulnerabili alle contaminazioni batteriche in microgravità.

2. Che cosa hanno scoperto gli scienziati dell’Università del Delaware riguardo alla coltivazione di lattuga nello spazio?
Gli scienziati hanno scoperto che le piante di lattuga esposte alla microgravità hanno maggiori probabilità di essere infettate da batteri, come la Salmonella.

3. Qual è la causa della vulnerabilità delle piante esposte alla microgravità all’infezione da parte della Salmonella?
Gli stomi delle piante, che normalmente si chiudono in presenza di minacce esterne come i patogeni, rimangono aperti in microgravità, facilitando l’invasione dei tessuti da parte della Salmonella.

4. Cosa hanno scoperto gli scienziati della Texas A&M University e della Brown University riguardo alla coltivazione di piante sul suolo lunare?
Gli scienziati hanno dimostrato che i ceci possono sopravvivere e fiorire nel suolo lunare grazie all’aiuto dei funghi micorrizici arbuscolari, che rimuovono elementi radioattivi e metalli pesanti dal terreno lunare.

5. Come possono i legumi essere un’alternativa per l’alimentazione degli astronauti nello spazio?
I ceci possono essere coltivati con successo sul suolo lunare utilizzando vermicompost, prodotto dell’allevamento di lombrichi su rifiuti organici, che migliora l’assorbimento dei nutrienti da parte delle piante.

Definitions:

– Microgravità: Uno stato di gravità molto bassa o assente, come quello sperimentato dagli astronauti nello spazio.
– Salmonella: Un genere di batteri responsabile di intossicazioni alimentari.
– Stomi: Piccoli pori presenti sulle piante che regolano lo scambio di gas con l’ambiente circostante.
– Batterio benefico: Un tipo di batterio che può fornire benefici a un organismo ospite.
– Regolite lunare: Il materiale di superficie presente sulla Luna, composto da polveri fine e rocce che risultano dal processo di meteorizzazione.

Related Links:

NASA
Journal of Food Protection
PubMed Central