Crea sito

L’interesse e la prima offerta: chi è Marin, il 2001 che piace alla Sampdoria

L’interesse e la prima offerta: chi è Marin, il 2001 che piace alla Sampdoria
Condividi questo articolo

Marin piace molto alla Sampdoria che avrebbe già effettuato una prima offerta. Ecco chi è il 2001 scuola Dinamo Zagabria

Tra le squadre meno attive sul mercato insieme al Genoa, la Sampdoria prova a effettuare le prime mosse nella speranza di rinforzare la rosa per la stagione 20/21. E, se da un lato si aspetta Adrien Silva, dall’altro si punta Antonio Marin della Dinamo Zagabria.

La strada che dalla Croazia e più ampiamente parlando dall’est porta all’Europa centrale è percorsa, ogni anno, da decine e decine di talenti purissimi. Cristallini come diamanti, preziosi come metalli da forgiare.

Dani Olmo, Erling Haaland, Dominik Szbszolai per citarne solo alcuni. E il prossimo potrebbe essere proprio Marin, diventato una vera e propria priorità per i blucerchiati dal momento che può essere impiegato come jolly d’attacco. Classe 2001, il croato nasce come ala sinistra ma a Zagabria viene impiegato praticamente ovunque là davanti: trequarti, centrocampo e, talvolta, punta. E un giocatore così, soprattutto se giovane e quindi di prospettiva, è adatto alla perfezione allo stile di gioco di Claudio Ranieri.

Sampdoria, i numeri di Marin

Il 19enne ha colpito molto la Sampdoria per il suo rendimento e la sua freddezza. Il primo anno tra i professionisti, la passata stagione, non ha brillato particolarmente ma per spezzare una lancia in suo favore c’è da dire che ha avuto poche occasioni. Sono infatti 13 le gare disputate in campionato, condite da 2 gol e 2 assist.

Rendimento sicuramente più soddisfacente è quello che sta avendo quest’anno, dove ha realizzato sempre 2 gol e 2 assist ma in 11 partite di meno, ovvero 2. Non male per un giocatore ancora acerbo ma di sicura prospettiva.

Veloce, abile nel dribbling e con un’inserimento senza palla niente male: sa aggredire gli spazi e dare profondità alla squadra, una caratteristica perfetta per la Sampdoria di Ranieri, nella scorsa stagione spesso troppo macchinosa e prevedibile nel momento della costruzione delle azioni offensive.

I blucerchiati trasformano l’interesse in un’offerta: le cifre

E con le caratteristiche che ha Marin a Corte Lambruschini non ci hanno messo nulla a trasformare l’interesse in offerta. Offerta che, inizialmente, prevedeva prestito a 1 milione di euro con diritto di riscatto fissato a 10 milioni.

Ma come previsto le cifre non hanno soddisfatto la Dinamo, che vorrebbe qualcosina in più. La Sampdoria dal canto suo non si muove, considerando che l’offerta iniziale (secondo Gianluca Di Marzio) si attestava intorno ai 5 milioni per il diritto di riscatto con prestito gratuito.

C’è ancora distanza tra le parti, ma c’è anche fiducia affinchè l’affare possa andare in porto. La Sampdoria vuole piazzare “un colpo alla Pecini”.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: