Crea sito

Atalanta, Diallo insegna: fare cassa mantenendo i big

Atalanta, Diallo insegna: fare cassa mantenendo i big
Condividi questo articolo

L’Atalanta ha ceduto Diallo Traorè al Manchester United per 30 milioni di euro bonus compresi. Per lui appena 4 presenze in Serie A

La vera regina di questo calciomercato è l’Atalanta e, attenzione, lo è senza chissà quali acquisti. La Dea si guadagna questo scettro per una cessione che ha del clamoroso, ovvero quella di Diallo Traorè al Manchester United. E a far spalancare la bocca ai tifosi non è tanto la destinazione del giocatore, ma la cifra che verrà sborsata dai Red Devil’s: circa 30 milioni di euro bonus compresi, per un giocatore che in Serie A ha giocato appena 4 partite per un totale di 25 minuti e un solo gol.

Il classe 2002, che proprio stamani avrebbe dovuto firmare con il Parma un anno di prestito, resterà a Bergamo fino a Gennaio per poi diventare ufficialmente un giocatore dello United.

Pellegri, Salcedo e Diallo: i giovanissimi venduti a peso d’oro

Vi ricordate quando il Genoa, due stagioni fa, cedette Pietro Pellegri al Monaco per 21 milioni di euro e Eddie Salcedo all’Inter per altri 20 milioni? Entrambi, all’epoca, avevano appena 17 anni. Due anni più tardi la storia si ripete, con un altro giovanissimo pronto a sbarcare in una big europea per la cifra monstre di 30 milioni di euro.

LEGGI ANCHE – Dall’Olanda con furore: Sam Lammers è il nuovo gioiello dell’Atalanta

La cessione di Diallo dimostra come si possa rinforzare una squadra senza cedere i pezzi pregiati per finanziare i rinforzi. L’Atalanta lo ha capito e, riuscendo a mantenere intatta la propria identità, è riuscita anche a trattenere alla corte di Gasperini i vari big come Ilicic, Zapata, Gomez, Gosens, Hateboer per citarne alcuni. Portando tra l’altro in citta nomi come Alexei Miranchuk, Mario Pasalic, Fabio Depaoli, Cristian Romero, Cristiano Piccini e Sam Lammers.

A Bergamo hanno imparato a rinforzare la rosa senza cedere i big (resistendo anche a corpose offerte, vedi quelle per il Papu) ma comunque acquistando giocatori di valore. Lo scettro di regina di mercato, quest’anno, se lo merita la premiata ditta Percassi.

@corsereporter

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: